4 febbraio 2019 10:21
  
News dalle Diocesi - La "voce italiana del Papa" alla Gmg di Panama




“Ora sapete come palpita il cuore quando si vive una missione, e non perchè qualcuno ve lo racconta, ma perché la vivete...La sperimentate nel servizio”, ha detto papa Francesco ai volontari della Gmg, prima di lasciare il Centro America. Essere scelti per servire in qualità di interpreti durante una Gmg è un'opportunità e un'emozione che nessuna parola potrebbe esprimere adeguatamente. A me, AdC Policoro dell'eparchia di Lungro, l'onore di essere “una delle voci italiane di papa Francesco” durante le sue visite ufficiali a Panama.
Un servizio in cui non solo si mettono a disposizione degli altri le proprie capacità linguistiche e gli studi specifici nel settore, mettere, quindi, a frutto il proprio talento, ma un'occasione per farsi illuminare e guidare dallo Spirito Santo nella trasmissione dei messaggi del Santo Padre alle migliaia di pellegrini,giornalisti e cronisti provenienti da tutto il mondo.
Un mezzo di trasferimento e divulgazione di parole dettate dalla "voce di Cristo" che toccano il cuore, la mente e l'anima di chi ascolta, che l'interprete stesso, facendo talvolta fatica a nascondere l'emozione che trapela dalla propria voce, recepisce su se stesso, conserva nel suo intimo e, poi, è pronto a trasmette agli altri.
Ogni GMG è una festa: colori, calore, preghiera, emozioni, lacrime di commozione...legami. Sì, legami. Amicizie che nascono, che si rinfrescano, che si rinnovano; volti della GMG precedente che ritrovi lì con te e nuovi volti che incrociano il tuo cammino che, sai benissimo, Dio non ti ha inviato a caso; nuovi propositi e nuove missioni...
Rientro nella mia Eparchia con il suono delle parole del papa a noi volontari che echeggia nelle mie orecchie: “Andate, raccontate; andate e siate testimoni di ciò che avete visto e sentito; fatevi sentire con gesti costruttivi e di amore”.
Con questo mandato inizia il mio ultimo anno al Progetto Policoro.
 
Maria Antonietta Manna